Viviverde e drizza le antenne!

La versione stampabile di Viviverde è a basso impatto perché è impaginata con Ecofont, un carattere ricco di microscopici fori che riduce del 20% il consumo d'inchiostro rispetto ai normali caratteri, è monocromatica e l’impaginazione risulta compressa per diminuire lo spreco di carta. Vuoi fare di più?

febbraio 2020  › newsletter ambientale di La Lumaca

Cos'è l’economia civile? La sfida del futuro Ecointerviste

Intervista a Stefano Zamagni, ordinario all'Università di Bologna e professore alla John Hopkins University, che ci parla di nuovi modelli di sviluppo

La crisi dimostra il fallimento dei modelli economici che hanno dominato negli ultimi decenni. Per cambiare rotta c’è un contesto nuovo ed è l’economia civile, un modello di sviluppo inclusivo, partecipato e collaborativo che parte del basso e rappresenta una valida risposta alle difficoltà del nostro tempo.

Come spiega Stefano Zamagni, economista, docente all’Università di Bologna e autore di numerose pubblicazioni sul tema, fino ad ora ci siamo retti solo sul modello Stato - mercato, pubblico - privato, mentre in realtà oltre al pubblico e al privato c’è anche l’ambito civile, legato alle imprese sociali e al cosiddetto terzo settore.

L’idea di base dell’economia civile è quella di passare dall'assunto homo hominis lupus che troviamo al centro del paradigma economico classico, secondo il quale ogni uomo è un lupo nei confronti degli altri uomini, ad un nuovo paradigma secondo cui l’uomo è homo homini natura amicus, ovvero ogni uomo è per natura amico dell’altro uomo. In questo contesto anche l’attività economica ha bisogno di virtù civili, di valori di riferimento per tendere al bene comune più che alla ricerca di soddisfazioni individuali.

In concreto questo vuol dire che mentre per l’economia classica l’importante è la massimizzazione del bene totale, del Pil, per l’economia civile invece il fine è la realizzazione del bene comune. La prima considera l’economia un’attività che non ha nulla a che vedere con l’etica e la politica, la seconda esige che tra le tre sfere ci sia un dialogo continuo.

L’economia civile garantisce quindi biodiversità economica, e con questo spirito è importante che nascano dal basso imprese sociali capaci di dispiegare il loro potenziale di soggetti d’impresa non più finalizzati al solo profitto ma anche alla produzione di utilità sociale.

Tanto il modello neoliberista quanto quello socialdemocratico di welfare hanno ormai dimostrato che da soli non funzionano più. Il primo non assicura l’universalità dello Stato sociale, l’altro non garantisce la qualità. La soluzione è il welfare civile, fondato sul principio di sussidiarietà circolare, cioè sulla collaborazione tra tre soggetti: ente pubblico, imprese e società civile (o Terzo settore). Una risposta efficace anche in termini di vincoli di bilancio. Ormai non è più solo una questione di principio, ma una necessità.

Ecco perché sarebbe ormai giunta l’ora di inserire l’economia civile direttamente nella legge fondamentale dello Stato, la Costituzione, valorizzandone i principi come nuovo modello di sviluppo sociale.

Per approfondimenti:

https://www.unibo.it/sitoweb/stefano.zamagni/

Ritrovarsi in un abbraccio Escursionismo

Domenica 22 settembre l’inaugurazione del percorso naturalistico dedicato a Massimo Bagni, storico presidente di La Lumaca

La vita è un viaggio, o meglio, è un percorso realizzato insieme. Capita, a volte, che questo percorso sia fatto all’insegna della natura, quella stessa natura che ha deciso troppo presto di chiamare a sé colui che ha dedicato tutta la sua esistenza alla salvaguardia dell’ambiente.

Questo è Massimo Bagni, Presidente di La Lumaca per oltre 15 anni, venuto a mancare lo scorso ottobre dopo una lunga malattia.

Per ricordarlo, probabilmente nel modo che più di ogni altro avrebbe apprezzato, domenica 22 settembre si terrà l’inaugurazione di un percorso pedonale naturalistico a lui dedicato, che si snoda tra le colline di San Valentino di Castellarano (RE) dove ha vissuto per tanti anni.

Grazie alla disponibilità dell’Amministrazione comunale - per cui Massimo è stato anche consigliere, assessore e tra i fondatori del gruppo di lavoro “Castellarano Sostenibile” - è stato possibile dedicargli un tracciato ad anello che percorre spazi naturali a lui tanto cari, quanto vicini ai luoghi della sua esistenza.

Il programma della giornata prevede il ritrovo alle 14.00 nel Piazzale Rolando Rivi a San Valentino (RE) per poi partire nella camminata sul tracciato 602 Massimo Bagni, della lunghezza di circa 9 chilometri (circa 3,5 ore). Ad accompagnare, oltre ai GERS di Roteglia e alla PRO LOCO di San Valentino, anche le Guide Ambientali Escursionistiche di La Lumaca che invitano tutti i partecipanti a raccogliere lungo il percorso elementi naturali per realizzare insieme, al termine del percorso, un grande mandala.

Anche i più piccoli potranno partecipare all'evento: per loro è previsto un itinerario ridotto con merenda e intrattenimento da parte degli educatori di La Lumaca. Al termine del percorso infatti, i piccoli camminatori saranno coinvolti con laboratori creativi, giochi ed animazioni.

Ognuno potrà creare il proprio braccialetto con il motto “keep walking” da portare a casa come ricordo della giornata. Nel laboratorio “Pensieri per Massimo e per la Terra” invece, chi lo desidera, potrà scrivere frasi, aforismi, pensieri o poesie su basi in legno, pietra o altri materiali naturali da dedicare a Massimo Bagni. I manufatti potranno poi essere disposti lungo il sentiero (in qualsiasi momento e in totale libertà) da parte di chi li ha realizzati.

I soci e i dipendenti della cooperativa La Lumaca vogliono ringraziare la famiglia Bagni, l’Amministrazione comunale, il GERS di Roteglia e la PRO LOCO di San Valentino, ma anche tutti gli amici e le persone che si sono impegnate per permettere la realizzazione di questa giornata così speciale.

Per informazioni:

info@lalumaca.org

Informazione ambientale? Ma “Naturalmente”! Campagne

Tetra Pak affida a La Lumaca la gestione della pagina Facebook che parla di stili di vita sostenibili

Continua la voglia di social per Tetra Pak Italia che, dopo i risultati positivi ottenuti dalla pagina Facebook “TiRiciclo”, affida a La Lumaca anche la gestione della pagina “Naturalmente”.

L’idea è nata dal desiderio di Tetra Pak di contribuire a indirizzare la nostra società verso stili di vita più sostenibili, che possano portare al benessere nostro e del nostro pianeta. La pagina Facebook “Naturalmente” vuole infatti aiutare le giovani generazioni a trovare la giusta chiave di lettura per migliorare la vita di tutti i giorni, agendo nel modo migliore nei confronti dell’ambiente. Vivere in modo più naturale infatti, permette di ottenere importanti benefici per sé stessi ma anche per gli altri, perché anche così si protegge il territorio che ci circonda.

Ed è per questo che i post di “Naturalmente” informano sulla protezione degli alimenti, sulla sostenibilità ambientale degli imballaggi, sull'innovazione di prodotto, sugli stili di vita più green. Ma allo stesso tempo vogliono intrattenere e coinvolgere gli utenti dei social su tutto ciò che accade attorno a Tetra Pak, per confrontarsi e raccogliere suggerimenti per migliorare insieme.

Parlare sui social di questi temi a un pubblico sempre più ampio, promuovere stili di vita green e acquisti in linea con le esigenze del pianeta, permette di creare una maggiore consapevolezza nella società. È in questo modo che le pagine social non sono più uno strumento di mero svago, ma divengono un utile sostegno alla causa della sostenibilità ambientale e allo sviluppo di una sensibilità più attenta al benessere nostro e del nostro pianeta.

Per scoprirne di più basta andare su www.facebook.com/NaturalmenteTetraPak/ e iniziare a interagire con i post della pagina. Provare per credere!

Per informazioni:

https://www.facebook.com/NaturalmenteTetraPak/

Per un uso consapevole dell’acqua Appuntamenti

Continuano nell’anno scolastico 2019-2020 i progetti di educazione ambientale del Gruppo Cap: aperte le iscrizioni

Dopo il successo ottenuto nei percorsi di sensibilizzazione all'uso consapevole dell’acqua del gestore idrico milanese nel 2018-2019, continua l’impegno nelle scuole anche nell'anno scolastico appena iniziato per la seconda edizione del progetto “Zainetto Blu”, progetto didattico rivolto alle scuole dei comuni gestiti dal Gruppo Cap.

Prenotare un’attività per il nuovo anno scolastico è semplicissimo: basta compilare la richiesta di iscrizione on line specificando il progetto scelto e inserendo i dati della scuola e dell’insegnante.

Le proposte sono sviluppate per offrire la possibilità di scegliere il percorso più coerente con la programmazione scolastica, in modo da favorire l’apprendimento e armonizzarsi con le lezioni dei docenti.

Bisogna però affrettarsi: le prenotazioni saranno infatti accolte fino a esaurimento del monte ore disponibile.

I percorsi gratuiti di educazione ambientale per studenti delle scuole dell’infanzia, delle primarie e delle secondarie di 1° grado sono stati progettati e realizzati da La Lumaca con lo scopo di creare o accrescere nei bambini e nei ragazzi la consapevolezza verso una risorsa preziosa e limitata come l’acqua, fondamentale per la nostra esistenza.

Gli studenti imparano così a conoscere il servizio idrico, le tecnologie sottese, l’importanza dell’acqua e dei controlli che ne garantiscono la sicurezza e la qualità. Oltre a questo verranno affrontate le tematiche dell’acqua quale bene comune, della povertà delle risorse idriche dei cambiamenti climatici, della salute e del risparmio.

Oltre ai percorsi di “Zainetto blu” è possibile anche accedere ai materiali didattici Acquabook e approfondire ulteriormente i temi della sostenibilità ambientale legati alla risorsa idrica.

Da non perdere infine la possibilità di partecipare dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.00 agli Open Day #waterevolution con ingresso gratuito di ottobre:

Per prenotare le visite basta telefonare al numero 346 02 04 004 o mandare una mail a segreteriascuole@lalumaca.org.

Per informazioni e prenotazioni:

Tel.: 346.0204004

e-mail: segreteriascuole@lalumaca.org

https://www.gruppocap.it/educazione

Una vera Alleanza “Scuola-Coop”! Campagne

Riaprono le iscrizioni per i percorsi educativi gratuiti offerti da Coop Alleanza 3.0 alle scuole del territorio

Ricomincia la scuola e, come ogni anno, ricominciano anche gli apprezzatissimi progetti di educazione al consumo consapevole Sapere Coop, gestiti nel territorio modenese da La Lumaca.

Compilando il form per le iscrizioni le insegnanti del territorio in cui è attiva e opera Coop Alleanza 3.0 potranno prenotare gratuitamente un percorso per la loro classe, dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di 2° grado. Le prenotazioni saranno aperte sino al 16 novembre ed è previsto l'inizio delle attività da lunedì 18 novembre e la loro chiusura entro maggio 2020.

Dal 9 settembre al 16 novembre è inoltre attivo un servizio di segreteria atto a fornire un supporto nella scelta dei percorsi, per orientare al meglio le decisioni a seconda dei temi trattati, dei programmi scolastici e dell’età degli studenti.

Quest'anno cade anche l’anniversario quarantennale delle proposte didattiche offerte da Coop Alleanza 3.0 alle scuole. Anche per questo sono state introdotte diverse novità. La principale è il nuovo progetto #AMBIENTEFUTURO, percorso che propone un viaggio e una riflessione sugli stili di vita, sulle proprie scelte di consumo e sul loro impatto sull’ambiente. L’obiettivo è stimolare nei ragazzi lo sviluppo del pensiero critico, perché possano diventare consumatori davvero consapevoli e attivi. #AMBIENTEFUTURO ha inoltre una sezione del sito ad esso dedicata con tanti giochi, video e attività per ragazzi e bambini.

Ma perché questi progetti educativi sono così apprezzati? La risposta è semplice e viene dai questionari di valutazione compilati dagli insegnanti. Sapere Coop è scelto soprattutto perché coerente con gli obiettivi didattici, ma anche perché, nonostante sia un progetto completamente gratuito, mette a disposizione metodologie didattiche di alto livello e temi estremamente interessanti, un progetto quindi certamente utile per gli oltre 70.000 studenti che complessivamente vi hanno partecipato lo scorso anno.
Quasi tutti gli insegnanti hanno poi riconosciuto in SapereCoop un progetto portatore di valori educativi per gli alunni: ben l’85% di loro ha dichiarato di essere intenzionato a partecipare nuovamente nell'anno 2019-2020, per il quale sono aperte le iscrizioni sino al 16 novembre.

Inoltre, l’esperienza educativa all’interno dei punti vendita che il progetto didattico offre continua ad essere un utile valore aggiunto per l’apprendimento, a dimostrazione che le metodologie di insegnamento alternative alle classiche lezioni frontali possono dare risultati oltre le aspettative, contribuendo a sviluppare anche negli studenti più piccoli competenze e punti di vista individuali nelle scelte di consumo.

Per informazioni:

Numero verde: 800 028166 dal lunedì al venerdì, dalle ore 08.00 alle ore 14.00

Email: percorsisaperecoop@gmail.com

https://www.coopalleanza3-0.it/sapere-coop.html

Ogni 7 giorni una campagna educativa Campagne

La Lumaca realizza ogni anno oltre 50 campagne green per promuovere stili di vita più sostenibili. Vuoi scoprire perché?

La grande prova a cui ci sta sottoponendo il cambiamento climatico richiede, da parte di tutti, un mutamento degli stili di vita. I prossimi anni si scommetteranno sulla capacità di promuovere uno sviluppo sostenibile che possa soddisfare i bisogni delle comunità, rispettando e tutelando le limitate risorse del nostro pianeta.

C’è bisogno di una "vera e propria rivoluzione culturale", per poter efficacemente contrastare il riscaldamento del pianeta, ridurre le emissioni di CO2 e gli sprechi di risorse. Per questo è indispensabile realizzare campagne di comunicazione ed educazione che possano diffondere una cultura attenta ai bisogni dell’ambiente come a quelli delle persone.

Dai dati del Bilancio Sociale emerge che La Lumaca, nel 2017 ha realizzato 51 campagne educative ambientali, di cui 7 in lingua straniera, sui temi del riciclo e dell’economia circolare, della valorizzazione del territorio, del risparmio idrico ed energetico.

Sono state coinvolte un totale di oltre 2.200.000 persone nelle 7 regioni italiane in cui si sono realizzate le attività. Queste si sommano alle oltre 1.300 campagne educative ambientali, realizzate negli ultimi 40 anni da La Lumaca, che ne fanno uno dei player più competenti e preparati di questo specifico settore.

Quando le scelte ambientali richiedono una trasformazione dei comportamenti quotidiani dei cittadini, l’informazione e la partecipazione si rivelano fattori strategici fondamentali. Infatti, solo informando in modo semplice e chiaro è possibile educare a un atteggiamento responsabile e rispettoso dell’ambiente nell'interesse della collettività.

Lo sa bene La Lumaca che, grazie a clienti illuminati e consapevoli, ha potuto fare della propria passione per l’ambiente la propria mission aziendale.

Per informazioni:

info@lalumaca.org

Veniteci a trovare! Appuntamenti

La Lumaca ti aspetta ad Ecomondo dal 5 all’8 novembre. Non mancare!

Dal 5 all’8 novembre veniteci a trovare ad Ecomondo, la fiera internazionale di recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, che si tiene ogni anno a Rimini Fiere.

La Lumaca sarà felice di ospitarvi presso il proprio stand n° 007 del Padiglione B2.

Sarà un’ottima occasione per conoscere le nostre speciali attività di comunicazione ed educazione ambientale sul tema rifiuti, mobilità, acqua, energia, alimentazione ed economia circolare ma, soprattutto, per scoprire tutte le novità che abbiamo nel cassetto e dedicate alle imprese, alle multiutility e alle Amministrazioni pubbliche.

Ti aspettiamo ad Ecomondo!

Per informazioni:

info@lalumaca.org

100 candeline per Vivigulp! Ecointerviste

Scopri come sono nate le nostre 100 eco-vignette: ascolta l'intervista a Peko, il fumettista di La Lumaca

Con questo numero Vivigulp, la tradizione eco-vignetta per l’ambiente di “Viviverde e drizza le antenne”, festeggia le sue prime cento candeline. Puntualmente, da oltre otto anni, ci accompagna ogni mese con un simpatico sorriso per sdrammatizzare, con velata ironia, sii grandi problemi ambientali del nostro tempo, ma anche per raccontare le tante iniziative messe in campo per costruire un futuro migliore.

Nume tutelare di Vivigulp il nostro Claudio Tassi, in arte Peko, che ogni mese mette in relazione i temi ambientali più “caldi” del mese con una vignetta stravagante, irriverente, surreale, provocatoria, per far riflettere, sorridendo, su ciò che abbiamo di più importante.

Il fumetto ci consente di guardare con occhi nuovi a temi e problematiche complesse. Un disegno, una frase, per essere leggeri senza dimenticare che l’ambiente è una cosa seria.

Le tavole parlano di consumo di suolo, di isole di plastica in mare, di spreco di acqua; ma anche, e soprattutto, di una responsabilità nei confronti della salute del pianeta che dovrebbe essere condivisa, oggi più che mai.

Ridere un po’ di se stessi, prendersi non troppo sul serio e affrontare anche con un sorriso le problematiche ambientali che sono intorno è anche un modo per affrontarle. Se ci permettiamo il lusso di ridere di una cosa, possiamo anche permetterci il lusso di cambiarla.

Per informazioni:
https://www.lalumaca.org/viviverde/canali/vivigulp

ViviVideo: FIL, la Felicità Interna Lorda Vivivideo

Quanto il profitto può essere etico e quanto essere etico può permettere il profitto? Diamo la parola alle aziende

Vivigulp settembre 2019 Vivigulp

Vivi Gulp Settembre 2019

Quando la moda è compostabile... Informazione

Una startup londinese presenta la prima t-shirt totalmente eco-friendly, creata con polpa di legno e alghe

Buco dell’ozono? No, grazie! Informazione

Nel 2019 il buco dell’ozono si riduce: ora tocca uno dei dati più bassi degli ultimi 30 anni

E la nave va (ma per l'ambiente) Escursionismo

Rev Ocean, la più grande nave per pulire gli oceani dalla plastica è italiana e sta per salpare...

L’economia che ci fa bene Fai la cosa giusta

Dalla rete tante notizie e teorie sui nuovi modi di pensare l’economia:

ViviSlurp: la ricetta di settembre 2019 Vivislurp

Risotto zucchine e gamberetti con pentola a pressione: ricetta per 2 persone, preparazione 10 minuti, cottura 10 minuti

Le zucchine sono ortaggi molto versatili in cucina e grandi alleate della nostra salute: hanno poche calorie, contengono una percentuale molto alta di acqua e un'abbondante presenza di potassio che le rende diuretiche e consigliate in caso di ipertensione. Sono altamente digeribili e quindi utili per chi soffre di problemi digestivi e ricche anche di folati, indispensabili in gravidanza.

INGREDIENTI:

Mescola in una ciotolina uno spicchio di aglio spremuto, 3 cucchiai di olio, il prezzemolo e lascia riposare. Pela l'aglio rimanente e fallo rosolare nella pentola a pressione con un cucchiaio di olio, aggiungi i gamberetti ancora congelati e falli cuocere alcuni minuti, poi quando saranno cotti toglili dalla pentola e tienili da parte. Lava e spunta le zucchine, tagliale a cubetti e mettile nella pentola a pressione insieme al riso, al brodo e sale a piacere. Chiudi la pentola, portala in pressione e cuoci 7 minuti da quando inizia a fischiare, abbassando il fuoco. Dopo aver sfiatato la pentola aprila, aggiungi i gamberetti tenuti da parte, l'olio al prezzemolo e mescola con cura.

L’arte del riciclo in cucina:

la cottura a pressione non solo permette di ridurre i tempi di cottura conservando i sapori e le sostanze nutritive degli alimenti, ma ha anche un risvolto green perchè la riduzione dei tempi di cottura fa risparmiare energia.

Consigli utili per diminuire l’impatto della tua stampa