La lotta agli sprechi ha dei nuovi influencer: concluso a Rio Saliceto il progetto che ha coinvolto i giovani verso stili di vita più leggeri

Un’intera comunità all’opera verso lo spreco zero. È quanto è accaduto negli ultimi due anni a Rio Saliceto, un piccolo comune reggiano che ha dimostrato di avere davvero grinta nel tutelare le risorse del pianeta. Come? Con il progetto appena concluso GREENtosi – giovani in azione contro gli sprechi realizzato da La Lumaca per il Comune di Rio Saliceto, grazie anche al contributo di Atersir. Il progetto ha coinvolto i ragazzi del Centro Giovani, del CCR (Consiglio Comunale Ragazzi), le scuole ma anche i ristoratori e la cittadinanza nel suo complesso con un ricco programma di azioni formative e concrete per sensibilizzare tutta la comunità alla riduzione degli sprechi.

Il progetto ha avuto inizio a febbraio 2019 con la costituzione di un gruppo di adolescenti e preadolescenti del Centro Giovani, i “GREENtosi” appunto, impegnato ad approfondire il tema dello spreco (alimentare e di materiali) e incaricato di farsi portavoce nei confronti dei coetanei e di tutti gli abitanti del paese dell’importanza di attivare una transizione verso stili di vita più sostenibili: dei veri e propri influencer! I ragazzi sono stati coinvolti in attività formative e laboratoriali per poter capire da vicino che impatto hanno sul pianeta tanti piccoli comportamenti di spreco quotidiano che la maggior parte delle persone dà per scontato. Ad esempio? Avere un contenitore lavabile e durevole per trasportare la merenda a scuola permette di evitare tante confezioni usa e getta, così come prendere l’abitudine di portare a casa gli avanzi dal ristorante impedisce a ottimo cibo di finire nel bidone. La strategia privilegiata di GREENtosi è quella di rivolgersi ai giovani del territorio come utenti finali ma anche come portatori ed organizzatori del messaggio e delle attività. I giovani sono i motori ma anche i destinatari finali delle singole iniziative, ritrovandosi a contatto coi coetanei ma anche con le principali realtà di adulti e con le attività commerciali del territorio.

Nonostante l’emergenza sanitaria, che ha reso necessario ripensare ad alcune attività, il progetto ha portato avanti molte azioni, ecco le principali:

  • distribuzione di borracce e contenitori salva-merenda a studenti e insegnanti
  • installazione di erogatori per l’acqua nelle scuole
  • installazione di compostiere “di comunità” nelle scuole
  • attivazione di piccole biblioteche per favorire lo scambio informale di libri nelle scuole
  • feste scolastiche con giochi e animazioni su riciclo e riuso
  • laboratori creativi e scientifici contro lo spreco durante le principali iniziative di paese
  • workshop online su spreco alimentare e sana alimentazione per la cittadinanza
  • consegna di doggy-bag e materiale informativo sulla riduzione degli sprechi a tutti i ristoratori

Nonostante il progetto sia formalmente concluso, la sensibilizzazione sull'impatto ambientale non si ferma: all’interno del Centro Giovani è stato creato uno spazio stabile e permanente dove i laboratori e le attività anti-spreco continueranno.

Per maggiori informazioni:

info@lalumaca.org

Pubblicato il 23 febbraio 2021


 
Viviverde

Iscrivendoti autorizzi il trattamento dei dati personali ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento 679/2016/UE (GDPR Privacy). Per consultare l'informativa collegarsi a: www.lalumaca.org/privacy. Il trattamento dei dati avviene nel rispetto della normativa vigente sulla Privacy.