Con Realtà Aumentata e Virtual tour la nuova gestione della Riserva naturale delle Salse di Nirano punta sull’innovazione digitale

L’obiettivo è arrivare a 100.000 visitatori l’anno. Una sfida di tutto rispetto per la Riserva naturale delle Salse di Nirano, nel Comune di Fiorano Modenese, che vede protagonisti La Lumaca e L’Ovile come nuovi gestori dell’area. Alle due cooperative il compito di innovare questa eccellenza naturalistica regionale per farla conoscere a livello nazionale. Come? Con un progetto di educazione ambientale e turismo sostenibile che unisca reale e digitale, grazie alle innovazioni tecnologiche di Realtà Aumentata e Virtual tour.

Salse 1000

Per le sue caratteristiche geologiche uniche, la Riserva naturale delle Salse di Nirano piace a molti, anche al di fuori dei confini regionali. Un interesse che non è scemato con la pandemia, tanto che le richieste di informazioni e i contatti attraverso le pagine social dell'area protetta sono continuati ad arrivare, nonostante la chiusura obbligata in linea con le normative anti-Covid. Ed è proprio la situazione globale ad imporre ora la necessità di attivare nuove modalità di fruizione della Riserva dal punto di vista didattico e turistico. In questo contesto si inseriscono le innovazioni che saranno curate da La Lumaca: Realtà aumentata e Virtual tour.

Con la tecnologia della Realtà Aumentata, che darà nuova vita all'Ecomuseo di Cà Rossa, contenuti virtuali potranno essere sovrapposti ad elementi reali attraverso un processo di addizione digitale. Per poter accedere alla Realtà Aumentata, l’utente dovrà scaricare sul proprio smartphone un'apposita app e utilizzarla per “leggere” i marker di ingresso presenti nel museo. Questi elementi grafici molto speciali consentiranno di accedere a contenuti multimediali aggiuntivi, come video, animazioni, tracce audio, immagini, infografiche, ecc. L'ambiente reale risulterà così "aumentato" creando una realtà mista estremamente coinvolgente e stimolante.

La realizzazione di un Virtual tour della Riserva consentirà invece di visitarla anche a distanza. Un’opportunità educativa unica che permetterà alle scuole di preparare in anticipo la visita. Il tour virtuale potrà essere usato anche per la promozione turistica: chi non potrà venire di persona avrà così la possibilità di immergersi "digitalmente" nelle bellezze dell’area per poi organizzare una visita dal vivo, appena possibile.

Queste e tutte le altre novità della gestione sono state presentate durante la conferenza stampa dello scorso 24 aprile presso la Riserva delle Salse di Nirano a cui hanno partecipato: il sindaco di Fiorano Modenese, Francesco Tosi, l’assessore all’Ambiente, Davide Branduzzi, la Responsabile del Servizio Ambiente, Marzia Conventi, il presidente della cooperativa ‘L’Ovile’, Valerio Maramotti, il presidente della cooperativa ‘La Lumaca’, Guido Ricci e Marco Benelli (‘L’Ovile’), responsabile tecnico del progetto. Presenti anche i volontari del GEfi, le guardie ecologiche del GEV e il professor Antonello Piombo dell’Università di Bologna, che svolgono importanti attività di vigilanza e studio nell’area protetta.

Per maggiori informazioni:

info@lalumaca.org

Pubblicato il 27 aprile 2021


 
Viviverde

Iscrivendoti autorizzi il trattamento dei dati personali ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento 679/2016/UE (GDPR Privacy). Per consultare l'informativa collegarsi a: www.lalumaca.org/privacy. Il trattamento dei dati avviene nel rispetto della normativa vigente sulla Privacy.