Un progetto educativo a 360 gradi su sprechi alimentari e cibo bio. La nostra esperienza a fianco di Comune di Formigine e CIR Food

Cosa succede se un ente locale, un’azienda di ristorazione scolastica e un’agenzia specializzata in educazione alla sostenibilità uniscono le forze contro gli sprechi alimentari? Accade a Formigine, nel modenese, dove è in corso il progetto “A tutto Bio” per rendere più consapevoli bambini e adulti sul perché sia importante ridurre gli sprechi di cibo e puntare sull’alimentazione sana, meglio se con alimenti biologici. Il progetto è realizzato da Comune di Formigine, La Lumaca e CIR Food.

Viviverde bio 1000

“A tutto Bio” si rivolge a oltre 100 classi tra scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado. Per ogni ordine scolastico è stato ideato un percorso educativo personalizzato a seconda delle esigenze e dell’età di bambini e ragazzi. I piccoli delle scuole dell’infanzia potranno divertirsi assistendo a un divertente laboratorio teatrale dove saranno svelati i super poteri di frutta e verdura. Le scuole primarie, invece, potranno scegliere tra un bouquet di lezioni animate, da svolgere in presenza o online, su frutta e verdura bio, sprechi alimentari, filiera degli alimenti bio e analisi dell’etichetta del cibo. Le scuole secondarie di primo grado potranno partecipare al progetto “Food for life” che propone attività per sensibilizzare i ragazzi rispetto argomenti quali l’alimentazione sostenibile, lo spreco alimentare, il cibo spazzatura, l’impatto ambientale degli imballaggi.

Per le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado sarà disponibile anche un kit didattico digitale, composto da una bacheca multimediale attraverso cui gli insegnanti potranno proporre agli studenti approfondimenti, giochi e video tutorial sugli argomenti del progetto, modulandoli a seconda delle esigenze della classe.

“A tutto Bio” è anche gesti concreti. A tutti i bimbi delle scuole primarie e ai loro insegnanti, oltre 2.200 persone, saranno distribuite “foody bag”. Perché? Per incentivare il recupero di pane e frutta non consumati in mensa e per facilitare il trasporto di una merenda sana e senza imballaggi per la mattina.

Anche le famiglie saranno coinvolte nel progetto: per loro è previsto un webinar su come essere consumatori consapevoli, riducendo gli sprechi in cucina, rendendo la spesa sostenibile e valutando gli acquisti tenendo conto anche degli imballaggi. Un successivo webinar tratterà il tema della sana alimentazione e del cibo biologico, offrendo anche suggerimenti su quali merende trasportare attraverso la foody bag.

Il progetto, finanziato con fondi del Bando Mense Biologiche Certificate, ricevuti dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, è in corso. Formigine si conferma come una realtà attenta a trasmettere un messaggio di contrasto allo spreco, con uno sguardo sulla sostenibilità del pianeta, anche alla luce degli obiettivi dell’Agenda 2030... e La Lumaca è al suo fianco.

Per maggiori informazioni:

info@lalumaca.org

Pubblicato il 22 marzo 2021


 
Viviverde

Iscrivendoti autorizzi il trattamento dei dati personali ai sensi degli articoli 13 e 14 del Regolamento 679/2016/UE (GDPR Privacy). Per consultare l'informativa collegarsi a: www.lalumaca.org/privacy. Il trattamento dei dati avviene nel rispetto della normativa vigente sulla Privacy.